Tag: romanesco

Romanticherie

Frasi romantiche: ovvero tutte quelle frasi perfette da raccontare ad una donna x stupirla e conquistarla. Garanzia, soddisfatti o rimborsati.

ANVEDI CHE CIELO, ME PARE QUELLO DE WINDOV 95!:
contemplazione romantica di una coppia, in genere sdraiata a pancia all’aria su un bel prato

SEI TARMENTE CHIAPPONA CHE SE PATRIC DE GAJARDO SE METTEVA ‘E TU’ MUTANNE AR POSTO DER PARACADUTE, MO’ ERA ANCORA VIVO:
hai i fianchi larghi

QUALE CAZZO DE TINTA DE VERDE STAI A ‘SPETTA PE’ POTE TOJE ‘STO CAZZO DE SCALLAPIZZETE DA ‘A STRADA?:
ti faccio notare che il semaforo e verde

MA CHE T’ASCIUGHI LI CAPELLI CO’ ‘A CARTA DE ‘A PIZZA?:
i tuoi capelli sono unti in modo impressionante

C’HAI ER FISICO DA SCARTATORE DE CARAMELLE (CIOCCOLATINI):
non brilli x prestanza fisica

C’HAI L’ASCELLE PROTETTE DA LEGA AMBIENTE:
e giusto che l’ecosistema floro-faunistico sotto le tue braccia venga tutelato da associazioni ambientaliste

QUANNO RIDE PARE ‘N CRUCIVERBA:
sono + i denti che gli mancano che quelli sani

‘A MATINA TE PETTINI CO’ LO SGUARDO:
dicesi a individuo afflitto da vistosa calvizie. Usato anche verso persone molto restie a pettinarsi

SE LI STRONZI VOLAVANO ATTERRAVI A FIUMICINO:
sei davvero una persona ingrata

SEI TARMENTE BRUTTO CHE TU’ PADRE AR FIRMINO DE QUANDO FACEVI UN ANNO C’HA MESSO COME COLONNA SONORA X-FILES:
sei talmente brutto che ancora non hanno capito se sei un uomo o un alieno

SEI TARMENTE BRUTTO CHE SI TE SPECCHI E LE PULCI TE VEDONO, SE BUTTANO DE SOTTO P’AMMAZZASSE :
la tua bruttezza e enorme

FAI TARMENTE SCHIFO CHE QUANNO T’HANNO PARTORITO NUN ERI TU CHE PIAGNEVI, MA TU’ MADRE:
la tua bruttezza e immensa

SEI PEGGIO DE ‘N RIGORE AR NOVANTASETTESIMO:
non sei un gran che bella

SI TE UNISCONO LI PUNTI NERI ‘N FACCIA ESCE FORI ER DISEGNINO DE ‘A SETTIMANA ENIGMISTICA:
hai molti punti neri

TE GONFIO COSI TANTO CHE SI TE PIJA QUELLO DER GRUPPO HEVIA CO’ TE CE SONA PE ARTRI TRE CD:
ti provocherò un tale dolore fisico che al termine della mia operazione potrai essere paragonato ad una zampogna, lo strumento prediletto dal musicista del gruppo Hevia

AHO, ‘STE ZUCCHINE VONNO SAPE SE ‘R FRUTTAROLO HA PAGATO ER RISCATTO!:
mi hai detto di cucinare con quello che trovavo nel frigo ma l’aspetto e l’odore degli ortaggi mi lasciano intendere che tu li abbia conservati oltre il tempo utile

MA CHE, ER SEMAFORO CE L’HANNO DIPINTO?:
accidenti, questo semaforo non scatta mai!

SEI COSI BASSO CHE C’HAI LE SUPERGA ZOZZE DE GEL:
non sei certo una persona conosciuta x la sua altezza

MA CHE C’HAI DENTRO A LA CAPOCCIA, ‘A CASSETTA DE L’ELEMOSINA?:
il tuo quoziente intellettivo non e tra i piu alti

CO’ TUTTA QUELLA FORFORA ADDOSSO A NATALE TE FAI ER PRESEPE SU ‘A SPALLA:
sei talmente pieno di forfora che ti cade sulle spalle

SEI TARMENTE PALLIDO CHE L’OMINO BIANCO HA PRESO CORAGGIO E HA APERTO ‘N SOLARIUM:
vista la tua carnagione alquanto chiara ti esorterei ad una seduta di doccia solare

C’HAI LI DENTI SCORREVOLI:
hai pochi denti

AHO, HAI PRESO PIU CAZZI TE CHE ‘N PAPPAGALLO D’OSPEDALE!:
sei una donna di facili costumi

Dizionario ragionato della lingua Romana

(Avvertenza prima di leggerlo: simpatico, spesso scurrile, a volte geniale… comunque utile in caso di difesa per abbassarsi al livello di un interlocutore che non ha frequentato Oxford)

1. ESPRESSIONI FINALI DOPO VIOLENTA DISCUSSIONE…

-TE PIO PE’ LE RECCHIE E TE ARZO COME LA COPPA UEFA:
riferito a persona che non e piu’ sopportabile

-IN CULO TE C’ENTRA, MA IN TESTA NO:
dicesi di persona con serie difficolta di comprensione

-TE SMONTO E DO FOCO ALLE ISTRUZIONI:
mi appresto ad una operazione irreversibile sulla tua persona

2. ESPRESSIONI ESORTATIVE…

– VATTELA A PIJA’ ‘NDER CULO DE RETROMARCIA:
ti prego cortesemente di liberare questo luogo dalla tua nefanda presenza

– STAMME A ‘N PARMO DAR CULO:
il tuo comportamento irritante impone che ti mantenga ad opportuna distanza

3. ESPRESSIONI VOLTE AD ESPRIMERE GIUDIZI SU PERSONE O COSE…

– JE PESA ER CULO:
dicesi di persona particolarmente notevolmente pigra

– E’ SIMPATICO COME ‘NA MANO AR CULO:
dicesi di persona che ha difficolta ad integrarsi in un gruppo

– T’HA SVAPORATO ER CERVELLO:
dicesi a persona che ha detto una grossa cretinata, idiozia

– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE NUN TE SE CHIUDE LA CARTA D’IDENTITA’:
hai un naso spropositatamente grande (versione surreale)

– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE DICI DE NO A TAVOLA, SPARECCHI:
hai un naso spropositatamente grande (versione catastrofica)

– C’HAI ER NASO COSI’ LUNGO CHE SE ERI ‘NA PECORA MORIVI DE FAME:
hai un naso spropositatamente grande (versione bucolica)

– C’HAI ‘NA NASCA CHE DA PICCOLO TU MADRE DOVEVA PIJA’ LA MACCHINA PE VENITTE A ‘MBOCCA’:
sono affascinato dalle abnormi dimensioni del tuo naso

4. MINACCE ED INSULTI…

– TE SPORVERO/TE SPARECCHIO LA FACCIA:
ti prendo a ceffoni sul viso

– TE PARCHEGGIO ‘NA MANO IN FACCIA:
vedi sopra

– TE MISCHIO COME UN MAZZO DE CARTE/TE RIBARTO COME ‘NA COTOLETTA:
rivedi sopra

– TE RIVORTO COME ‘N CARZINO/’NA CARZA/TE APRO COME ‘NA COZZA:
rivedi sopra

– TE APRO COME ‘NA SDRAIO/TE CHIUDO COME ‘NA GRAZIELLA:
rivedi sopra

– ME T’APRO COME ‘N DIVANO LETTO/’NA COZZA/’NA TELLINA:
rivedi sopra

– TE APRO COME ‘N FIASCO DE VINO/’NA DAMIGIANA:
rivedi sopra

– TE GONFIO COME ‘NA ZAMPOGNA/TE SUCCHIO COME ‘N GAMBERETTO:
rivedi sopra

– TE DO ‘NA PIZZA CHE T’ARESTANO PE’ VAGABONDAGGIO:
rivedi sopra

– TE ‘NFILO ‘NA MANO ‘N CULO, TE SFILO LA SPINA DORZALE E TE CE FRUSTO:
rivedi sopra

– TE FACCIO ‘N BUCO ‘N TESTA E ME TE BEVO COME ‘N’OVETTO FRESCO:
rivedi sopra

– TE PIJO PELLE RECCHIE E TE SCARTO COME ‘NA GOLIA:
il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo operero un movimento rototraslatorio sulle tue estremita auricolari

– TE PIJO PE’ LI BUCHI DER NASO E T’ARIBBARTO COME LI PORPI:
mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli) Le prossime sono più dure!!!

– TE METTO ‘N DITO ‘N BOCCA, UNO AR CULO E TE SCIAQQUO COME ‘NA DAMMIGGIANA:
vedi sopra

– TE GIRO COME ‘NA TROTTOLA CHE QUANNO TE FERMI I VESTITI SO’ PASSATI DE MODA:
tramite un’abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo

– TE FACCIO DU’ OCCHI NERI CHE SE TE METTI A MASTICA’ ER BAMBU’ ER WWF TE PROTEGGE:
ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi

– TE DO’ ‘N CARCIO AR CULO CHE SE PER ARIA NUN TE PORTI DA MAGNA’ TE MORI DE FAME:
la potenza del mio piede e direttamente proporzionale all’irritazione dovuta alla tua presenza

– ME TE METTO ‘N TASCA E TE MENO QUANNO CIO’ TEMPO:
indica disprezzo per la consistenza fisica dell’avversario

– SONA SULLA PANZA DE TU’ MADRE GRAVIDA, COLL’OSSA DE LI’ MEJO MORTACCI TUA:
pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri

– T’ATTEGGI, T’ATTEGGI MA SUR CAZZO MIO NUN CE SCUREGGI:
“non darti troppe arie che con me non attacca”

– FATTE LA MAPPA DE LI’ DENTI, CHE MO’ TE LI MISCHIO:
ti prendo a ceffoni

– SI’ TE PIJO TE SDRUMO:
se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto

– TE DO ‘N CARCIO AR CULO CHE TE CE LASCIO DENTRO ‘A SCARPA:
il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche

– TE DO LI SCHIAFFI A DUE A DUE FINCHE’ NUN DIVENTENO DISPARI:
ti faccio male all’infinito

– TE DO’ ‘NO SCHIAFFO CHE ‘R MURO TE NE DA’ ‘N’ALTRO:
percuotero il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te

– C’HAI PIU’ COMPLESSI DER CONCERTO DER PRIMO MAGGIO:
dicesi di persona che si fa molti problemi inutili

– TE FICCO DU’ DITI NER CULO, TE APRO COME ‘NA BOLLETTA DER GAS E ME TE LEGGO L’INTESTINO:
tramite la sodomia, voglio risvegliare l’aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che e’ in me

– TE METTO ‘NA MANO AR CULO E TE PORTO A SPASSO COME ‘N CREMINO:
voglio dimostrare a tutti la mia superiorita nei tuoi confronti

– SONA ‘N MEZZO ALLE COSCE DE TU’ MOJE CHE CE STA PIU’ TRAFFICO:
smettila di suonare il clacson della tua automobile

– M’HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO:
mi hai palesemente seccato

– TE STACCO LI DITI E CE GIOCO A SHANGAYE:
mi hai fatto arrabbiare

5. APPREZZAMENTI ED ESPRESSIONI A SFONDO SESSUALE…

– SOLO ‘N GIORNO E GIA’ E’ PASSATA A LI’ MICROFONI:
dicesi di ragazza ben disposta nello svolgere particolari pratiche orali

– C’HO ‘L CRATERE CHE ME SBRODA:
espressione prettamente femminile per esprimere l’intenzione di avere un rapporto sessuale con un ragazzo

– E’ MEJO CORTO CHE TAPPA CHE LUNGO CHE SCIAQUA:
frase da rivolgere con sufficienza a coloro i quali si vantano di improbabili misure del proprio “membro”

– C’HAI ER CAZZO COLL’IMPUGNATURA ANATOMICA:
sei troppo dedito a certe attivita manuali solitarie

– TE FIOCINO ER CULO:
frase utilizzata sovente all’inizio di un amplesso

– TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA:
ti provochero lesioni anali permanenti

– C’HAI ‘N CULO TARMENTE BASSO CHE TE PUZZA DE PIEDI:
se un giorno diventerai famosa, non sara certo per le doti del tuo fondoschiena

– E’ USCITO FORI MEJO PINOCCHIO CO’ ‘NA SEGA CHE TE CO’ ‘NA SCOPATA:
la natura non e stata benevola con te la prossima e splendida !!!

– SCIAQUA ‘A SELLA CHE STASERA SE CAVARCA:
cerca di avere un igiene intima accurata perche ti attende un rapporto sessuale molto intenso e logorante (per lo piu rivolto ad una ragazza)

– TE CURO CO’ ‘NA SUPPOSTA DE CARNE:
se non la smetti infilerò il mio membro nel tuo pertugio anale