Archivio giornaliero: 6 Novembre 2005

Il mio piu’ caro amico

Un uomo insospettito dal comportamento della moglie, un brutto giorno torna a casa prima del previsto e trova la moglie a letto con il suo migliore amico…
Bastardi! Ed io che mai avrei immaginato; tu Marisa, la mia adorata moglie;
con te ho diviso tutti i momenti più delicati della mia vita… ho riso nei giorni felici, ho pianto come faccio ora nei giorni tristi, ho pregato Iddio quando eri ammalata e mai, proprio mai ti avrei tradito.
Mi ricambi così?
Non ti ricordi tutte le cose belle che ho fatto per te?
Tutti i sacrifici?
Come, come hai potuto?
E con il mio migliore amico, poi!
E tu Osvaldo, amico d’infanzia… abbiamo vissuto i primi giochi, le prime liti… Non ti ricordi le sassaiole contro quelli del quartiere vicino?
Non ti ricordi che ti colpirono alla testa e ti fasciai con il mio fazzoletto e piansi per la paura di perderti… e tu mi confortasti dicendomi che te la saresti cavata anche e soprattutto per continuare a vivere questa meravigliosa amicizia… e poi abbiamo fatto le scuole insieme e abbiamo sempre diviso quei quattro soldi che avevamo… e siamo stati chiamati insieme al servizio militare non ti ricordi..?
Le notti a far le guardie, i giorni noiosi insieme a cantare le nostre canzoni, a raccontare i nostri sogni, le nostre aspirazioni… e poi siamo stati assunti dalla stessa fabbrica e quando è stato il momento di far carriera non ho avuto dubbi… ho detto: fate avanzare lui in carriera, che è più in gamba.
E tu sai che non è vero!
Osvaldo il mio più caro amico e… Osvaldo… OSVALDO, MARISA!!
Ma… volete fermarvi un attimo e stare ad ascoltarmi, per piacere !?