Solidarieta’

Ai giardini della stazione c’e’ un uomo che ne vede un altro piegato in due per terra che mangia l’erba.
Si avvicina e gli chiede: “Ma cosa sta facendo?”.
L’altro risponde: “Vede, io sono un povero albanese, ed ho una fame terribile, non ho soldi, e piuttosto che morire o rubare mangio l’erba.”
Al che il livornese si commuove e dice: “Ma non si possono vedere certe cose! Venga con me che la invito a casa mia.”
E l’albanese: “Verrei volentieri, ma anche mia moglie e’ nella stessa situazione”.
L’altro ci pensa un po’ e poi dice: “Vabbene lo stesso; noi livornesi siamo un popolo generoso…. porti anche sua moglie”.
L’albanese: “Si’, grazie, pero’ ho anche due figli, ed anche loro soffrono la fame….”.
Il livornese ci pensa ancora un po’ ed alla fine, tutto radioso, dice: “Ma non si preoccupi porti anche loro, tanto dietro casa mia c’e’ un campo intero con l’erba alta un metro!!”.