Le 10 sacre regole dell’impero romano

1. Lavora sempre un po’ meno della tua soglia minima de sopportazzione, ricordate de abbassà ciclicamente i livelli de detta soglia.

2. Nun te incazzà coi deboli, nun te incazzà coi forti, NUN TE INCAZZA’ PROPRIO. E ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quinni si proprio devi, menaje subito, nu li fa’ cresce.

3. Non tutti i mali vengono pe’ nuoce, quindi tutte le vorte che hai fatto male a quarcuno, nun te sembra, ma j’hai fatto bbene, perciò nun te sta’ a preoccupà, che te frega..

4. Aiutati che tanto nun t’aiuta nessuno. Ricorda infatti che Dio è onnipresente, quinni, se voleva t’aiutava prima.

5. Nun scajà mai la prima pietra si nun sei sicuro de piallo BENE. Sinno è mejo che te la conservi pe’ dopo.

6. Dormi più che puoi (chi dorme non pia pesce ma quanno se sveglia pia quello che hanno pescato l’artri)

7. Fermati spesso (chi se ferma è perduto e, ad esempio è più difficile ritrovallo si quarcuno per caso o dovesse cercà)

8. Cambia spesso abitudini, sennò te cambiano loro; gioca d’anticipo (chi lascia la strada vecchia pe la nova, si è nova, ad esempio nun ce so buche)

9. Onora, rispetta madre, padre e, parenti, se e solo se ch’hai un credito cò loro

10. L’erba der vicino è sempre sua, fumatela subito sennò quer fesso der vicino ‘a taia o ce mette le statue dei sette nani